Come in un atto magico, nelle costellazioni si richiama la presenza dei nostri cari, che vengono rappresentati perfettamente anche da chi non li conosce. Questo grazie a un campo energetico di informazioni che collega le nostre menti e che Shaldrake ha chiamato morfogenetico.

Partecipare ad un seminario di costellazioni familiari è un’esperienza molto importante, che può portare ad un cambiamento nel proprio modo di vivere le relazioni familiari in primis, ma anche quelle lavorative ed, in ogni caso, le relazioni umane in generale.

L’incontro con Bert Hellinger (il grande “padre” delle costellazioni familiari spirituali) può essere un po’ scioccante per la modalità solenne ed a volte un po’ austera con cui egli si relaziona con le persone che partecipano ai suoi seminari e soprattutto per alcune sue frasi lapidarie che rivolge talvolta a chi gli chiede aiuto. Ma gli occhi luminosi di Bert Hellinger ed il suo sorriso largo esprimono un grande amore per tutti i partecipanti.

In effetti per molte persone l’appuntamento con Bert e con le costellazioni familiari ha permesso di compiere un vero salto nella propria consapevolezza personale. Consapevolezza della rete relazionale in cui siamo avvolti, consapevolezza del “qui e ora”, consapevolezza dell’intreccio familiare a cui si appartiene, consapevolezza di un destino familiare, consapevolezza di non essere liberi di “fare ciò che si vuole” per la propria realizzazione personale, ma di fare parte di un sistema di relazioni: familiari, lavorative e sociali e che le nostre scelte subiscono gli influssi della rete relazionale.

In famiglia, siamo tutti strettamente collegati.

Dalla terapia sistemica familiare abbiamo appreso che ogni componente familiare è strettamente collegato e connesso agli altri membri della famiglia, tanto che qualsiasi modificazione che avviene in uno dei componenti, inevitabilmente condiziona anche gli altri membri del sistema/famiglia e/o del sistema/società o gruppo sociale.

E qui occorre fare riferimento al campo morfogenetico: Rupert Sheldrake, fisico e scrittore, ha dedicato gran parte della sua ricerca allo sviluppo delle piante, chiedendosi come le piante possano crescere e svilupparsi da semplici embrioni contenuti nei semi e come da cellule ovulari fertilizzanti negli animali generino poi vite: per esempio pesci, api o zebre.

sheldrake
Rupert Sheldrake

Sheldrake giunse alla conclusione che gli organismi viventi sono organizzati tramite campi, occupandosi in particolare dello studio del campo morfogenetico (la morfogenesi studiata dai biologi, ossia la nascita della forma dal greco morphe = forma + genesis = genesi).
Shaldrake“Questi campi contengono evidentemente progetti o programmi invisibili dei vari organi e dell’organismo intero. (…) Questi campi aiutano a spiegare non soltanto il normale comportamento, ma anche la rigenerazione. Se tagliamo a pezzi un salice o un verme piatto, ciascun pezzo è in grado di rigenerarsi e formare un organismo interamente nuovo. (…)

I campi morfici di tutte le specie hanno una storia, e contengono memorie implicite date dal processo che io chiamo risonanza morfica. (…) La risonanza morfica opera attraverso lo spazio e attraverso il tempo, dal passato al presente. Tramite la risonanza morfica, ciascun membro di una specie riceve e al contempo contribuisce alla memoria collettiva delle specie”.
In questa rete di connessione profonda in cui siamo in risonanza gli uni con gli altri, permane ogni memoria, sia dei vivi che dei morti. I morti non possono essere esclusi ed all’interno delle costellazioni possiamo osservare che qualsiasi tentativo di esclusione di un membro, viene percepito dal campo che entra in uno stato di inquietudine, finché la persona esclusa non viene riconosciuta e messa al proprio posto.

Un… magico campo energetico

costellazioni familiariLa rappresentazione della costellazione può apparire come un “atto magico” e ricorda la messa in scena teatrale di una tragedia greca, ma in realtà la forza della costellazione sta nel campo energetico. Nel cerchio di costellazione viene riprodotto il campo morfogenetico del cliente richiedente la costellazione.

Le persone che vanno a rappresentare per esempio i membri di un gruppo familiare, senza sapere nulla delle persone che stanno rappresentando, percepiranno le emozioni, i sentimenti e le relazioni delle persone rappresentate, anche rimanendo completamente all’oscuro della reale dinamica familiare, ma semplicemente perché entrate in connessione con la coscienza delle persone rappresentate.

Tornando a Rupert Sheldrake, per lo studioso di fisica, in un campo morfogenetico tutto si ripete continuamente, rispettando il progetto di costruzione invisibile, per esempio di un organismo in via di sviluppo. norahmine-finn-family-systems-constellations-workshops-and-training-3Se si è invece in presenza di qualcosa di esterno, di indefinito -Spirit- le ripetizioni nel campo non accadono più.

Così accade anche per un sistema familiare: ogni membro si muove in base alla qualità energetica del campo morfogenetico di appartenenza, campo che si ripete, così come si ripetono i destini familiari. Nel sistema familiare il singolo membro è entangled con gli altri componenti del sistema e questo appare in tutta la sua evidenza durante la messa in scena di una costellazione familiare.

Nel cerchio delle costellazioni familiari tutti i rappresentanti sono in risonanza fra di loro, percependo il campo comune. Ogni fluttuazione che si manifesta in un rappresentante comporta modificazioni anche per gli altri rappresentanti e così accade anche per le persone che sono state oggetto della rappresentazione. La costellazione può permettere di interrompere la ripetizione di destini, favorendo un nuovo movimento, un movimento creativo.

La presenza energetica degli animali… di famiglia

Talvolta nel corso delle costellazioni familiari viene rappresentato un animale o più animali e questo va a conferma dell’esistenza del campo spirituale comune agli esseri viventi: Sheldrake ipotizza l’esistenza di un campo spirituale che permette una forma di comunicazione fra gli esseri viventi e che ne detta i limiti nei quali muoversi. Questo può spiegare come il cane avverta che stia arrivando a casa il padrone.

Qualche anno fa in un seminario tenuto a Roma da Bert Hellinger e dalla moglie Sophie, un cliente aveva chiesto una costellazione in quanto di notte digrignava i denti e si svegliava sempre con la mandibola dolorante. Sophie Hellinger chiese al ragazzo dove abitava e questi le rispose che abitava in una casa di campagna costruita sulle fondamenta di una stalla. Sophie decise di mettere in scena la casa del cliente, facendo intervenire sul palco parecchie persone.

Stefania VIapiana
Stefania Viapiana

I rappresentanti dopo qualche minuto di percezione del campo si ritrovarono tutti a quattro zampe assumendo tutti un’espressione triste: rappresentavano le mucche. A Bert e a Sophie Hellinger arrivò l’intuizione che le mucche della stalla mandate poi al macello continuassero a farsi “ricordare” tramite il digrignare dei denti del ragazzo.
Bert infine consigliò al cliente di fare qualcosa di buono in ricordo di queste mucche e gli disse: “Oltre all’uomo che sussurrava ai cavalli ci sarà pure l’uomo che sussurra alle mucche!”.

In un’altra tra le costellazioni familiari la cliente era figlia di un uomo cieco e si era portata appresso anche il cane, Bob, che aiutava il padre cieco della ragazza a compiere i passi nella stanza. Il cane aveva sul dorso due gobbe, come se fosse schiacciato dal peso del clima familiare in cui doveva vivere. Nella costellazione oltre alla rappresentazione della ragazza e del padre, fu rappresentato anche il cane da una partecipante, mentre Bob, il “vero” animale, per tutto il tempo della messa in scena, gironzolò nervosamente a lungo intorno alla sala del seminario. Solo quando la cliente abbracciò con amore il cane rappresentato, Bob trotterellò dritto dalla padroncina per accoccolarsi fra le sue braccia!

La forza del campo di costellazione porta a un movimento creativo, ad un movimento che porta quiete ed armonia e ci riconnette con il ritmo naturale della Terra. Ed a vibrare all’unisono con il Tutto.

 

Articolo originale scritto per Karmanews.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.